1

Lago di Antrona VB 1240 mt. 3

ANTRONA - 28-07-2022 -- Sono trascorsi 380 anni e un giorno da quando, era il 27 luglio del 1642, in Valle Antrona accadrà qualcosa che cambierà per sempre la morfologia dei luoghi e la storia stessa della valle. Una frana di dimensioni gigantesche seppellirà per sempre la vecchia Antrona, andando a creare quel lago che oggi conosciamo come una delle attrazioni dei luoghi. L'enorme cascata di pietre e monoliti era venuta giù dai 2400 metri del monte Pozzuoli, probabilmente a causa dei violenti temporali estivi che avevano flagellato la zona nei giorni precedenti. La nube di polveri che sollevò, assieme a un pauroso rombo, pare giungesse sino a Mergozzo e per depositarsi completamente al suolo richiese una settimana almeno. Ci furono morti, ovviamente, anche se meno di quanto si possa pensare, poiché la gran parte degli abitanti in quel luglio si trovava negli alpeggi d'alta quota, ma chi era ad Anttona non ebbe scampo, tanto più che il disastro avvenne nel cuore della notte.
Oggi due testimonianze restano soprattutto dell'episodio: l'enorme monolite di oltre 10 metri che si vede negli ultimi tornanti prima di giungere in paese, i locali lo chiamano "Preia du Biff" "sasso del vento" perchè portato lì dalla furia di uno spostamento d'aria indicibile. L'altro testimone è invece quel lago di Antrona, luogo di pace e di relax, nato dallo sbarramento del Troncone provocato dalla grande mole di materiale venuto giù dalla montagna.