1

palazzo silva

DOMODOSSOLA – 06-10-2020 -- Sarà presentato al pubblico il nuovo volume

edito da Grossi e dedicato a Palazzo Silva, dimora storica che racchiude in sé 5 secoli di memorie legate alla città. L’evento è fissato per venerdì 9 alle 17, al Teatro Galletti (p.zza Mercato, Domodossola). Una dimora rinascimentale nelle Alpi, questo il titolo dell’opera, che verrà presentata al pubblico da Anna Brugnoli, Gian Vittorio Moro, Giovanni Necchi della Silva, Paolo Negri ed Enrico Rizzi.

Fiore all’occhiello dell’arte, della storia, della cultura dell'intera Val d'Ossola, il Palazzo Silva ha da poco compiuto 500 anni, per l’esattezza nel 2019. Infatti, fu nel 1519 che Paolo della Silva, capitano del re di Francia, deposte le armi dopo successi e sconfitte, trasformò l’antica casa di famiglia in una splendida dimora rinascimentale con ampi saloni, eleganti camini, splendidi portali e fastosi ornati in marmo di Crevoladossola.
Il volume ne ricostruisce la storia, sullo sfondo di tre secoli di vita civile e politica del borgo e delle vicende della famiglia della Silva. Un viaggio nelle pagine alla scoperta delle ricche collezioni museali e delle numerose trasformazioni che il palazzo ha subito nei secoli, non senza sorprendenti scoperte che danno un nuovo volto nel tempo al cinquecentesco nobile gioiello architettonico dell’Ossola.

“Si tratta senza dubbio del più bel palazzo rinascimentale del Piemonte e di uno dei più affascinanti dell'intero arco alpino – spiegano dalla Libreria Grossi e da Associazione e Fondazione Ruminelli – E tra l'altro versa in ottimo stato di conservazione, dunque merita una visita approfondita, specie oggi, a 500 anni dalla sua costruzione. Palazzo Silva è testimonianza concreta nonché unica porzione rimasta di un complesso architettonico più ampio che si allargava fino alle piazze limitrofe. Grazie all'aiuto e alla preziosa opera dei curatori, questo volume, arricchito da immagini e disegni, fornisce una conoscenza complessiva di questo palazzo storico, dove per secoli la famiglia della Silva ha costruito tasselli che hanno segnato la vita culturale e amministrativa di Domodossola. Lo scopo ultimo – concludono i promotori della nuova iniziativa editoriale – è accrescere quanto più possibile la fama di questo gioiello architettonico, affinché possa essere sempre più conosciuto tanto dai cittadini del territorio, quanto da visitatori lontani.”

La pubblicazione nasce anche grazie al sostegno di Fondazione Paola Angela Ruminelli, Associazione Culturale Mario Ruminelli e Comune di Domodossola.