1

armeno progetto

ARMENO - 03-08-2020 --  E’ stato presentato

nei giorni scorsi il progetto grazie al quale Armeno diventerà il nuovo paese dipinto della Provincia di Novara.  “L’amministrazione comunale, contattata da Fabrizio Morea, presidente di Accademia delle Arti e del Muro Dipinto di Legro, non ha esitato a candidare Armeno alle iniziative artistiche che da più di vent'anni l’Associazione porta avanti con meritevoli risultati e con un incremento di adesioni da parte dei Comuni  -dichiara Mara Maria Lavarini, sindaco di Armeno-. Molte sono le risorse che caratterizzano questa realtà locale: dall'arte culinaria all'arte espressiva, dalle attività silvo-agricole alle attività artigianali ed imprenditoriali, dalla tradizione all'innovazione ed è per questo che l’Amministrazione ha aderito alla proposta dei muri dipinti. Armeno ha bisogno di colore, di cambiamento, di divulgazione delle risorse che vanta…”.


Fabrizio Morea, promotore di “Legro paese dipinto” e presidente di Accademia delle Arti e del Muro Dipinto, coordinerà il tutto e all’opera ci saranno gli allievi del corso UNI3 di Omegna (Città che ha dato il patrocinio a questa iniziativa) con la loro insegnante Michela Mirici Cappa.


Quello che verrà realizzato ad Armeno non sarà un vero e proprio murale nel senso più stretto del termine: gli allievi dell’UNI3,infatti, dipingeranno singolarmente le loro opere ad olio su tela, le stesse verranno poi fotografate, digitalizzate e trasformate in un grande unico adesivo.


 “Da quando sono diventata l'insegnante dei corsi UNI3 abbiamo sempre cercato di portare l'arte nella città e non mi riferisco solo ad Omegna -spiega Michela Mirici Cappa-. Nel 2014 con "Studi d’arte in vetrina" abbiamo pensato  di “usare” gli spazi di Omegna di fronte ad alcuni negozi vuoti e abbandonati a causa della crisi economica, per esporre opere e studi d’arte ridando così dignità a quella visione decadente. Le opere esposte sono state sostituite periodicamente per oltre due anni, sempre  “in tema” con gli eventi della Città, per dare un esempio concreto di come l'arte possa diventare partecipe degli eventi cittadini, in modo da creare quella tanto auspicata interazione tra popolazione, cultura e turismo. Sempre nel 2014 abbiamo partecipato all'iniziativa "Salviamo il Sociale": appena saputa la triste notizia riguardante il nostro cinema, io e i miei allievi abbiamo pensato di mettere a disposizione alcune nostre opere e dei bigliettini dipinti ad olio su tela che potevano essere acquistati tramite la Fondazione Comunitaria del V.C.O. e l’intero ricavato è stato pro-Sociale (le tele, i colori ed il tempo li abbiamo messi noi). Nel 2017 abbiamo poi esposto al 2° Concorso d'arte contemporanea "Città di Gattinara" ricevendo il "Premio Speciale Città di Gattinara" e per quanto concerne Armeno  -continua e conclude Michela Mirici Cappa-  ricordo con piacere che noi siamo già stati presenti lo scorso anno a Casa Badanelli Donati in occasione della commemorazione del cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci. Noi siamo stati presenti sia con riproduzioni delle opere di Leonardo, sia con nostre interpretazioni che proponevano una lettura in chiave moderna e contemporanea di dipinti, disegni e profezie che Leonardo ci ha lasciato. Per l'occasione il Comune di Omegna ha dato il patrocinio.”


A questo bel legame tra Armeno e il corso di pittura dell’UNI3 di Omegna si aggiunge ora questo progetto grazie al quale nei prossimi mesi ad Armeno nascerà una grande opera d’arte che sarà espressione delle tante peculiarità del paese.
La grande realizzazione “parlerà” di tanti temi tra cui storia, sport  -in particolare ciclismo-,  cucina (Armeno è famosa in tutto il mondo per essere la patria degli alberghieri ed è sede del Museo degli Alberghieri), poi ancora racconterà di natura, di attività agricole e produttive…e di tutto quello che caratterizza oggi e ha caratterizzato nel passato la comunità.
Direttamente coinvolti in quest’iniziativa sono anche la Pro Loco di Armeno con il presidente Luigi Arrigoni e Maria Grazia Cereda scrittrice e professoressa.

r.a.