1

climber guida devero nextstonese 20 mix

DEVERO- 26-07-2020-- In occasione dei celebri

workshop della serie “Nextones”, gli eventi ossolani dedicati alla cultura 2.0 che hanno luogo negli angoli più suggestivi della valle, venerdì 24 luglio è stata al volta dell Alpe Devero. Tema la natura e dello sviluppo turistico ragionato.

Guest star d’eccezione, lo scrittore e climber Alessandro Gogna, alpinista del Novecento d’avanguardia, degli anni d’oro della scoperta delle Alpi, con centinaia di prime ascensioni e primati personali, come la salita in solitaria della Via dei Francesi sulla Est del Monte Rosa, nonché le incursioni himalayane su K2 e altri 8000.
“La felicità è una cosa semplice” può essere una frase scontata, ma a detta di Alessandro, “uno sviluppo sostenibile e che dia reddito alla popolazione locale è possibile, se ci credono tutti.” La filosofia parte predominante della conversazione: “per essere felici basta una camminata in montagna. La felicità non è la la cima della montagna, come invece lo può essere l’evasione dalla vita di tutti i giorni”
Continuano il discorso gli accompagnatori di Gogna, i dott. Ratti e Mozzati, promotori delle istanze di conservazione e sviluppo alternativo dell’Alpe: “La montagna è un bene pubblico, nessuno può imporre interessi di pochi a fronte del bene di tutti. Le promesse di grandi ricchezze derivate dai grandi progetti è distorta, Trentino e Svizzera sono tali solo grazie a importanti contributi pubblici a mantenere le spese enormi dei comprensori. Il rischio di costruire senza danni irreparabili è assai elevato, osservando gli scheletri di impianti del passato presenti su tutto l’arco alpino.”

La serie di Nextones è proseguita al pomeriggio con l’incontro di Emanuele Coccia e con il suo intervento a favore della biodiversità dei vegetali, estraendo parte del discorso dal suo libro “ La Vita delle Piante”.

Vittorio Manini