1

artemisia mix

DOMODOSSOLA- 10-07-2020--Teatro e musica per celebrare

Artemisia Gentileschi, pittrice del '600, nello spettacolo tenutosi ieri sera in piazza Chiossi e promosso dalla Città di Domodossola, Musei Civici di Domodossola Palazzo Silva, in collaborazione con Compagnia dello Zio. La cultura è ripartita così nel capoluogo ossolano con questo primo appuntamento a cui ne seguiranno altri legati all'apertura di Palazzo Silva, il 18 luglio, come hanno spiegato Daniele Folino, assessore alla cultura del comune domese e Antonio D'Amico, Conservatore dei Musei Civici e storico dell'arte. A raccontare la vicenda straordinaria di questa donna forte e appassionata, la musica eseguita dall' " Artemisia Ensemble" con Elisa Marangoni (voce), Nicola Tacchi (chitarra), Roberto Mattei (contrabbasso), Nicola Stranieri ( batteria) e l'interpretazione degli attori Beatrice Baldaccini e Matteo Minetti ( testo e drammaturgia di Alberto Pincitore e Matteo Minetti). Una vita densa di passioni e talento quella di Artemisia, stuprata in giovane età da un amico del padre, a 27 anni era già una pittrice affermata. Appena ventenne realizzò il capolavoro che la rese famosa: " Giuditta che decapita Oloferne". Artemisia fu ammessa nel 1616 all'Accademia del Disegno, costituita nel 1563 dal Granduca Cosimo I: fu la prima donna pittrice che poté vantare tale onore.

ELisa Pozzoli

 

 

B0B21C73-B444-41D6-B077-4403F369298F.jpegA2FC531B-0CC8-47A3-A968-F8F7FFA860D7.jpeg7F16FA28-FABC-4981-A565-3081B71E82DD.jpeg7E2F4E17-C89A-4742-873A-75E89C5E9B48.jpeg1629C011-144E-4DD9-9B91-9F60B63EB2B2.jpegC57633F9-E937-4A42-820C-DA3AA941A0B4.jpeg1A6EC75B-C979-4766-A12D-6DF5BFBAA28F.jpeg