1

graziosi topolino

NOVARA - 03-06-2020 -- S’intitola “Schermi di carta.

Videoriscoperte di letteratura novarese” l’iniziativa con cui riprendono alla Biblioteca Civica Negroni i “Giovedì letterari in biblioteca” in totale sicurezza e quindi on line.

Ogni giovedì di giugno alle 18 sulla pagina Facebook del Centro Novarese di Studi Letterari, sarà trasmessa una puntata dello sceneggiato "Una Topolino amaranto "che la televisione nazionale mandò in onda sul primo canale tra il 1984 e il 1985 con varie comparse novaresi scelte tra le cascine della Bassa, tra Borgolavezzaro e Oleggio.

L’iniziativa del Centro Novarese di Studi Letterari è in occasione della raccolta fondi per l’Archivio Dante Graziosi dedicato alla memoria della civiltà contadina a partire dalle carte del celebre veterinario scrittore, autore del libro cui è legata anche una canzone di paolo Conte e che ora è pubblicato da Interlinea.


Il video-omaggio a "Una Topolino amaranto" propone integralmente l’intero sceneggiato composto da cinque puntate, con la regia di Ezio Pascucci, aiuto regista Paolo Taggi, interpreti principali Silvano Tranquilli, Pietro Brambilla, Giacomo Rinaldi e Berto Luciano, fotografia di Cesare Ferzi, musiche di Francesco Bruno.
Giovedì 4 giugno, ore 18, è in programma la puntata 1. Ritorno al Cuoco; giovedì 11 giugno, alla stessa ora, la puntata 2. Un misterioso pendolino; giovedì 18 giugno la terza dal titolo Carlazin Fortina, quindi giovedì 25 giugno le ultime due insieme: Cascina Caprera e Tra la gente della mia Bassa.


Il libro, il più fortunato del novarese Graziosi, raccoglie i ricordi di un “medico degli animali” che ci accompagna tra natura, tradizioni, cascinali, osterie, personaggi e storie della nostra provincia negli anni a cavallo dell’ultima guerra, quando nella "terra degli aironi" la saggezza contadina insegnava: "Si può sbagliare a curare un cristiano ma gli animali no, gli animali devono guarire, non ci sono santi!» Al lettore, anche giovane, arriva l’eco della celebre canzone di Paolo Conte: "Sulla Topolino amaranto si va che è un incanto…"