1

WhatsApp Image 2020 04 30 at 08.49.41

VOGOGNA - 30-04-2020 -- Andrea Pizzato

classe 1993 racconta la sua avventura nata nel 2010 così per gioco con 2 asinelle e diventata una piccola azienda nel 2016. L’idea di trasformare il latte d’asina avvenne quando per curiosità si informò delle formidabili qualità e poteri che questo latte ha sulla nostra pelle, oltre che come alimento.
Un latte che grazie ad approfonditi studi viene ufficialmente accreditato dalla comunità scientifica internazionale come “elisir di lunga vita” capace di contrastare i segni del tempo con trattamenti ad altissimo valore cosmetologico e dermatologico, come lo sapevano già dall’antichità bellissime donne come Poppea, Cleopatra e Paolina Bonaparte.
Svolgendo sulla pelle straordinari effetti idratanti, emollienti, rassodanti e soprattutto antietà, il latte d’asina ha inoltre un grande potere curativo e lenitivo dagli agenti esterni.
La linea di prodotti Latte d’Asina della Val d’Ossola, grazie alla collaborazione con il laboratorio Centisia di Laveno Mombello, è stata studiata per soddisfare le più alte esigenze di persone in cerca di un prodotto sano, genuino e senza la presenza di parabeni, alcool, derivanti da petrolio, coloranti, ingredienti OGM e profumi allergizzanti. 13 prodotti studiati per ogni tipo di pelle, ogni fascia di età e sesso: si spazia da crema antietà per pelli mature a shampoo per la cura del cuoio capelluto, alla crema mani ottima durante il periodo invernale all’emulsione viso uomo usata come dopobarba o come crema viso uomo.
Una piccolissima attività che guarda molto al territorio, gli animali, circa 20 capi tra asini e bovini da carne, durante il periodo estivo caricano un piccolo alpeggio di Vogogna e parte di loro invece raggiungono il Lago di Matogno a Montecrestese. L’asino è un animale con un’alimentazione molto rustica e se si effettua una buona gestione del pascolo è in grado di salvaguardare i terreni più marginali a favore della biodiversità alpina, ecosistema in equilibrio precario da quando è iniziato lo spopolamento delle montagne.
Da qualche tempo è iniziata la collaborazione con Sandro Radesco di Zafferanossola, coltivatore di zafferano in Ossola, creando un sapone con fiori secchi e stimmi di zafferano: fiore con tante proprietà cosmetiche ancora sconosciuto dalla maggior parte delle persone.
Visita il sito: http://www.aziendapizzato.it