1

columbro

VERBANIA - 04.07.2019 - Dopo il successo degli anni scorsi,

sabato 6 luglio torna al teatro Maggiore di Verbania il Festival dell’Himalaya. Un breve viaggio in Oriente, per immergersi nella cultura e nelle atmosfere spirituali del Tibet. Nel foyer del teatro, dalle 18, sarà allestita una mostra di arte sacra, libri, calligrafie tibetane, con un mercatino di oggetti d’artigianato. Vi saranno anche un info point dell’Albagnano Healing Meditation Centre, centro buddista fondato vent’anni fa da T.Y.S. Lama Gangchen ad Albagnano di Bee, a pochi chilometri da Verbania, e uno di Help in Action Onlus, organizzazione a sostegno delle popolazioni himalayane, anch’essa fondata da Lama Gangchen. Inoltre, alcuni monaci tibetani realizzeranno un mandala di sabbie colorate, un’opera d’arte minuziosa e perfetta, che a fine serata verrà distrutta  -come vuole la tradizione- per simboleggiare l’impermanenza dei fenomeni. Alle 20,30 una preghiera di pace cantata dai monaci tibetani darà il via allo spettacolo, presentato da Marco Columbro (nella foto). Si tratta del musical "La ruota della vita".