1

futurismo inaugurazione mix

DOMODOSSOLA- 22-06-2019- L'atteso evento espositivo dell'estate domese finalmente ha visto l'apertura ufficiale oggi pomeriggio con il taglio del nastro presso Palazzo San Francesco alla presenza delle autorità civili, militari e religiose,  e preceduto dalla presentazione  presso la Cappella Mellerio. L'assessore alla cultura Daniele Folino  ha introdotto le relazioni e i saluti del sindaco Lucio Pizzi, della rappresentazione della Fondazione Comunitaria del  VCO, Flavia Grossi, del presidente della Fondazione Ruminelli, Antonio Pagani e quindi ha lasciato la parola all'ospite d'onore, Console Generale del Perù in Italia, Cesar Jordan - Palomino il quale ha scambiato doni con il sindaco e con l'ing. Pagani, rinnovando l'amicizia e la vicinanza  tra il paese da lui rappresentato e la città di Domodossola. Infine il curatore della mostra Antonio D' Amico ha illustrato il complesso percorso di organizzazione dell'esposizione e quali sono state le linee ideali che hanno condotto la scelta delle opere e le modalità di presentazione  al pubblico.   Il percorso espositivo  ci riporta alla Domodossola a cavallo tra otto e novecento e collima con  le avanguardie dei primi trent'anni del secolo scorso. Dall' epopea di Chàvez all'impresa anche ingegneristica della galleria del Sempione e al primo autoveicolo a motore immatricolato nella provincia di Novara si passa alle opere immortali dei grandi futuristi, dedicate alla velocità, alle macchine a vapore e all'innovazione tecnica che ha informato l'inizio del secolo della modernità. La grande mostra fortemente voluta dal Comune di Domodossola in collaborazione con la Fondazione Paola Angela Ruminelli , con il sostegno della Fondazione Comunitaria del VCO, vede la collaborazione  con il MART  Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto  e dell' Associazione Musei dell' Ossola oltre al patrocinio del Mibac - Ministero per i beni e le attività culturali e da Regione Piemonte. Un evento importante a livello internazionale,  vista la la presenza del Console Generale del Perù: in esposizione infatti  tra le opere futuriste anche il reperto del Berliot con il quale Chàvez  affrontò l'immortale ma fatale impresa nei cieli sulle Alpi compiuta nel 1910 e di Tullio Crali " Omaggio a Chàvez" dipinto nel 1960, futurista pur oltre la tradizionale collocazione del movimento. L'esposizione gode di una precisa collocazione temporale ed una evocativa presenza di documenti fotografici e scritti di Balla, di D'Annunzio, Stravinski, ( tra cui il cimelio del volo su Vienna donato dal Vate a Timina Caproni, membro della famiglia Caproni, costruttori di aeromobili nell'hinterland milanese ai velivoli dei quali è dedicato lo studio di Balla per una decorazione di un piatto). In mostra oltre settanta opere di Fortunato Depero, Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Pippo Rizzo, Tullio Crali e tanti altri, si interfacciano con i manichini esposti all' Esposizione Internazionale di Milano del 1881 con i costumi tradizionali della Valle Anzasca e Antigorio, la prima macchina immatricolata nella provincia di Novara che aveva valicato il Sempione,   e l'ala dell'aereoplano di Chàvez .

Elisa Pozzoli

Foto e video di Ale Velli

 

 

 

IMG_8579.JPGIMG_8565.JPGIMG_8578.JPGIMG_8573.JPGIMG_8568.JPGIMG_8577.JPGIMG_8570.JPGIMG_8559.JPGIMG_8563.JPGIMG_8571.JPGIMG_8557.JPGIMG_8562.JPGIMG_8553.JPGIMG_8560.JPGIMG_8561.JPGIMG_8558.JPGIMG_8581.JPGIMG_8556.JPGIMG_8566.JPGIMG_8555.JPGIMG_8580.JPGIMG_8569.JPGIMG_8554.JPGIMG_8575.JPGIMG_8567.JPGIMG_8576.JPGIMG_8572.JPGIMG_8574.JPG