1

loose snow avalanches 16224 960 720

VCO -05-04-2018- Dopo la perturbazione che ha portato in quota una coltre di neve fresca tra i 130 ed i 140 centimetri, sale il rischio valanghe a grado 4 (forte) su un massimo di 5 in tutto il Piemonte settentrionale, ovvero sulle Alpi Pennine e Lepontine. Come riporta il bollettino Arpa, valido per le prossime 24 ore, fino a domani "è attesa una diffusa attività valanghiva spontanea, con numerose valanghe a lastroni e a debole coesione, di dimensioni grandi e in alcuni casi molto grandi, dai pendii ripidi a tutte le esposizioni, in particolare quelle soleggiate in prossimità di affioramenti rocciosi". Limitare assolutamente le escursioni dunque, dove l'agenzia regionale per l'ambiente precisa che movimenti saranno possibili "già al passaggio del singolo escursionista". Domani - sabato 6 aprile - la situazione dovrebbe volgere ad un miglioramento, il rischio tuttavia resta elevato. Dalla tarda mattinata e fino alla mattinata di domenica sono inoltre previste nuove precipitazioni con quota neve intorno ai 1200-1300 metri.
Strade
Su parere della locale commissione valanghe nel primo pomeriggio ha riaperto la SS 33 "del Sempione" nel tratto compreso tra Incrocio Iselle (Km 140,3) e il Confine di Stato con la Svizzera (Km 144,4), tratto chiuso da ieri proprio per il rischio valanghe.
Per il perdurare del pericolo valanghe la strada statale 659 “di Valle Antigorio e Val Formazza” resta invece chiusa al traffico nel comune di Formazza (VCO), dalla frazione Canza al confine di Stato, nel tratto compreso tra il km 36,400 e il km 41,700. La chiusura è stata disposta in via precauzionale in accordo con gli Enti locali e si pensa rimarrà tale almeno fino a domani.
A Baceno, la Strada Comunale Goglio - Devero rimane interdetta al traffico pedonale e veicolare fino a nuovo ordine.
L’attività valanghiva e la stabilità dei versanti sovrastanti l’infrastruttura stradale è costantemente monitorata fa sapere l'amministrazione.