1

consob sede

MILANO – 30.03.2019 – Multe e sanzioni amministrative

per 2,15 milioni di euro sono state emesse dalla Consob nei confronti di 19 tra amministratori, manager e revisori contabili di Veneto Banca. Il provvedimento, deliberato a maggio 2018 e pubblicato sul bollettino Consob di ieri è l’ultimo atto di un procedimento avviato nel 2017 sulla scorta di quanto emerso dalle varie indagini interne e dalle relative inchieste sui fatti che hanno determinato il “crac” dell’istituto di Montebelluna. In particolare, nel mirino degli ispettori Consob, sono finite le pratiche invasive di vendita delle azioni alla clientela studiate, a partire dal 2013, con lo scopo di rafforzare il capitale sociale che le autorità di vigilanza ritenevano insufficiente. La banca ha “massicciamente e sistematicamente venduto ai propri clienti (soci e non soci) azioni proprie”, scrive la Consob, che ha riscontrato un’attività “su base continuativa, nell'ambito di quella che, dalle dichiarazioni dei direttori territoriali acquisite agli atti, sarebbe risultata essere una vera e propria iniziativa ‘promozionale’ coordinata, finalizzata a sollecitare i clienti ad acquistare/sottoscrivere i detti titoli azionari facendo figurare le vendite/sottoscrizioni di azioni come operazioni effettuate dietro iniziativa dei clienti stessi”. È la teoria del marketing invasivo “attraverso la fissazione di obiettivi di budget (…) che sarebbero stati assegnati alla rete di vendita (…), con monitoraggio periodico” che ha portato, tra l’altro, al procedimento penale per truffa aggravata in concorso che s’aprirà in udienza preliminare il 15 maggio al tribunale di Verbania a carico di 41 persone.

Per queste violazioni alle norme di concorrenza la Consob ha multato l’ex ad Vincenzo Consoli (180.000 euro), l’ex condirettore Mosé Fagiani (150.000), il responsabile della direzione Mercato Italia Cataldo Piccarreta (120.000), l’ex presidente Flavio Trinca (100.000), i componenti del cda Franco Antiga, Francesco Biasia, Ambrogio Dalla Rovere, Alessandro Gallina,  Domenico Giraldi, Paolo Rossi Chauvenet, Leone Munari, Gian Quinto Perissinotto, Vincenzo Chirò, Gianfranco Zoppas, Attilio Carlesso (100.000 l’uno), il presidente del collegio sindacale Diego Xausa e i component Marco Pezzetta, Michele Stiz e Roberto D’Imperio (100.000 ciascuno).

L’importo complessivo delle sanzioni è di 2,15 milioni che Consob ha ingiunto di pagare a Veneto Banca in liquidazione coatta amministrativa, con “obbligo di regresso nei confronti degli autori della violazione”, cioè con l’incombenza di recuperare tali somme.

I pagamenti vanno effettuati entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento e possono essere impugnati in Corte d’Appello.